• AB Studio Fisioterapico

DIASTASI ADDOMINALE


Per DIASTASI ADDOMINALE si intende la separazione eccessiva, in senso longitudinale, del muscolo retto dell'addome, causando un danno al tessuto connettivo.

La DIASTASI ADDOMINALE nelle donne in gravidanza è causata dall'eccessivo stiramento della parete addominale.


I fattori di rischio possono essere:

- età superiore ai 38 anni

- un feto con peso elevato

- una gravidanza gemellare

- una predisposizione ereditaria

- altre gravidanze precedenti


Studi scientifici indicano una prevalenza di circa il 30% delle donne dopo il parto.

Si tratta di una condizione che identifica un problema estetico e quindi un disagio mentale, ma soprattutto un problema funzionale.

All''indebolimento della parete addominale si possono associare la formazione di ernie epigastriche e ombelicali, una disfunzione del pavimento pelvico (incontinenza, prolasso, ...) e dolore lombo-pelvico.

La diagnosi di DIASTASI ADDOMINALE si effettua mediante un esame obiettivo e un esame ecografico.

Quando la distanza tra le 2 parti che costituiscono il retto addominale è di 2.5 cm si parla di DIASTASI ADDOMINALE.

Solitamente si ha una risoluzione spontanea entro le 8 settimane dopo il parto, se però questa condizione perdura si è probabilmente in presenza di una DIASTASI ADDOMINALE POST PARTO.

Il trattamento fisioterapico è l'unico metodo per poter migliorare la DIASTASI ADDOMINALE e solo nei casi più severi si ricorre alla chirurgia, cioè una ricostruzione della parete addominale (ADDOMINOPLASTICA) con l'obiettivo di diminuire la distanza tra le 2 fasce muscolari del retto addominale.

Un percorso riabilitativo svolge un ruolo essenziale nella riduzione della DIASTASI ADDOMINALE, attraverso esercizi specifici, terapia manuale e terapia fisica.

Anche durante la gravidanza è consigliato eseguire una moderata attività fisica, attivare e rinforzare la parete addominale diminuendo il rischio di DIASTASI ADDOMINALE.





4 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti